Contattaci

Sistemi di illuminazione per stereomicroscopi

I migliori risultati per le applicazioni industriali

Questo report intende fornire un valido aiuto agli utenti di stereomicroscopi, per selezionare i migliori sistemi di illuminazione per l'osservazionedel campione.

L'illuminazione utilizzata per l'osservazione al microscopio influiscenotevolmente sulla qualità finale dell'immagine. La scelta dell'illuminazione per ottenere i migliori risultati dipende dal tipo di campione e dalle sue caratteristiche principali, nonché dal tipo di applicazione e dallo scopo che si vuole raggiungere con l'osservazione al microscopio.

Hai bisogno di assistenza?

Contattare uno specialista di imaging locale per la consulenza di esperti per illuminazione.


I vantaggi dell'illuminazione a LED (diodo luminoso)

Se confrontata con le luci alogene più comuni, l'illuminazione a LED offre numerosi vantaggi per la visualizzazione al microscopio. Tra questi ricordiamo:

  • Una durata maggiore (da 25 000 a 50 000 ore)
  • Una minore potenza assorbita
  • Una temperatura del colore naturale
  • Una sorgente di "luce fredda" → minore rilascio di calore (utile in caso di campioni sensibili alla temperatura)
  • Una pratica struttura compatta
  • Una temperatura del colore costante anche a bassi livelli di luminosità.

I fattori principali nella scelta dell'illuminazione

Quando si tratta di scegliere il tipo di illuminazione più adeguato per un'osservazione al microscopio e una visualizzazione del campione di elevata qualità, bisogna considerare molti fattori importanti, ad esempio:

  • Che tipi di campione andrò ad osservare?
  • Quali caratteristiche dei campioni devono essere analizzate?
  • Quali difficoltà si riscontrano utilizzando i tipi di illuminazione più comuni?
  • È necessario accedere al campione durante l'osservazione al microscopio, ad esempio, effettuando una manipolazione con scalpello, pinzette, saldatore o altri strumenti?

Gli utenti del microscopio devono magari provare diversi tipi di illuminazione per trovare quello più adatto [5, 6]. Prima di acquistare un determinato tipo di illuminazione, possono fissare un incontro dimostrativo con un rappresentante locale Leica Microsystems o un rivenditore autorizzato.

I sistemi di illuminazione della serie Leica LED5000 sono utilizzati prevalentemente su stereomicroscopi a prestazioni più elevate, ad es., Leica M125, M165, o M205. La serie Leica LED3000 è utilizzata per lo più su stereomicroscopi destinati alle operazioni di routine, ad es., Leica S4, S6, S8 APO, M50, M60, o M80. Di seguito sono fornite alcune informazioni di base sulle serie Leica LED5000 e LED3000.


Panoramica sui sistemi di illuminazione a LED (diodo luminoso)

Luce ad anello (RL)

La luce ad anello (RL) offre un'illuminazione intensa e uniforme ed è adatta a molti tipi di campione. Inoltre sono disponibili per entrambi i tipi di luce ad anello, i diffusori e i kit per luce polarizzata. Questi accessori riducono i problemi di riflessi od ombreggiature non desiderate.

Illuminazione coassiale (CXI)

L'illuminazione coassiale (CXI), nella quale il raggio luminoso passa all'interno del percorso ottico, funziona al meglio con campioni lisci e riflettenti. Questo tipo di illuminazione è usata soprattutto in caso di analisi di lievi crepe o della qualità della superficie.

Illuminazione Near Vertical (NVI)

L'illuminazione Near Vertical (NVI), ottenuta posizionando i LED vicinissimi all'asse ottico, offre un'illuminazione pressoché esente da ombre ed è molto utile in caso di campioni dotati di cavità e buchi profondi oppure di campioni che richiedono lunghe distanze di lavoro.

Luce spot (SLI)

La luce spot (SLI), dotata di bracci a collo di cigno flessibili, offre un'illuminazione ad elevato contrasto, adatta a molti tipi di campione.

Illuminazione diffusa e quella altamente diffusa (DI e HDI)

L'illuminazione diffusa e quella altamente diffusa (DI e HDI) sono ideali per campioni molto riflettenti, non piatti o ad arco, difficili da visualizzare a causa della quantità di luce retro-riflessa.

Illuminazione a contrasto multiplo (MCI)

L'illuminazione a contrasto multiplo (MCI), che utilizza un contrasto ripetibile con illuminazione da 2 diverse direzioni e angolazioni, è perfetta per campioni con dettagli difficili da visualizzare.

Retroilluminazione (BLI)

La retroilluminazione (BLI) offre una luce trasmessa per campioni trasparenti.


I risultati ottenibili con l'illuminazione Leica LED5000 e LED3000

Di seguito sono illustrati alcuni esempi di immagine provenienti da diversi campioni. Le immagini sono state acquisite utilizzando uno stereomicroscopio M165 dotato di fotocamera digitale Leica DFC495 e di un sistema di illuminazione della serie LED3000 o LED5000.

Campione: Circuito stampato (PCB)

A sinistra: Illuminazione con luce ad anello (RL): varie caratteristiche del campione; a destra: Illuminazione Near Vertical (NVI): buchi e cavità
Circuito stampato (PCB)
A sinistra: Illuminazione coassiale (CXI): graffi e struttura della superficie; a destra: Illuminazione con luce a spot (SLI): varie caratteristiche del campione
Circuito stampato (PCB)

Campione: componente di una protesi d'anca

A sinistra: Illuminazione con luce ad anello (RL): varie caratteristiche del campione; a destra: Illuminazione Near Vertical (NVI): buchi e cavità
Componente di una protesi d'anca
A sinistra: Illuminazione altamente diffusa (HDI): aree riflettenti; a destra: Illuminazione con luce a spot (SLI): varie caratteristiche del campione
Componente di una protesi d'anca

Campione: microelettronica

A sinistra: Illuminazione con luce ad anello (RL): varie caratteristiche del campione; a destra: Illuminazione coassiale (CXI): struttura della superficie
Microelettronica
A sinistra: Illuminazione Near Vertical (NVI): buchi e cavità; a destra: Illuminazione altamente diffusa (HDI): aree riflettenti
Microelettronica

Altri consigli

In fase di scelta del sistema di illuminazione, oltre all'ottica di alta qualità, caratteristica dei microscopi Leica Microsystems, è importante identificare le caratteristiche del campione da analizzare e il campo visivo, ovvero il campo dell'oggetto, necessario per l'osservazione. Vale la pena inoltre considerare i vantaggi derivati dalla codifica via computer e dalle corrette prestazioni ottiche del microscopio, ovvero le lenti dell'obiettivo, che possono essere PLAN, planapocromatiche, acromatiche, ecc.

Ricordatevi che l'illuminazione comporta delle considerazioni in più:

  • Per ottenere la prestazione ottica richiesta, alcuni sistemi di illuminazione potrebbero non essere compatibili, ad es., il sistema di illuminazione Leica LED5000 RL non può essere utilizzato con una lente 2.0x.
  • Quando si utilizzano stereomicroscopi con portaobiettivi o configurazioni del microscopio con distanze di lavoro ridotte, considerare sempre sistemi di illuminazione alternativi, come la luce a spot Leica LED (SLI) dotata di braccio a collo di cigno, invece della luce ad anello Leica LED (RL).

Conclusioni

Non sempre è facile trovare il sistema di illuminazione più adatto ai campioni osservati con uno stereomicroscopio. Tuttavia, i consigli e le raccomandazioni indicati nel presente report possono aiutare gli utenti nella ricerca dei vari sistemi di illuminazione, optando per quelli che offrono i migliori risultati di visualizzazione per l'osservazione allo stereomicroscopio e la registrazione delle immagini.

Nella pagina seguente troverete la guida per una scelta rapida dei sistemi di illuminazione nelle serie Leica LED3000 e LED5000. La guida può essere molto utile per gli utenti dei microscopi, che cercano i sistemi di illuminazione più adeguati a campioni e applicazioni particolari.


Download pdf

Scarica l'intero rapporto in formato PDF compresi guida alla scelta rapida per Leica LED3000 / LED5000


Prodotti correlati