Tandem Scanner

Campo visivo e alta velocità in sinergia

 

L'osservazione di processi biologici rapidi richiede sistemi di Imaging ad alta velocità. Tuttavia, la microscopia confocale a scansione ha un collo di bottiglia intrinseco: la registrazione in serie degli elementi di un'immagine. Di conseguenza, vengono spesso applicati dei sistemi basati su telecamere o altri approcci di acquisizione rapida. Con il Tandem Scanner, Leica offre un'alternativa confocale ad alta velocità (Figura 1). Il Tandem Scanner combina lo scanner FOV con un sistema di scansione a risonanza basato su specchi galvanometrici intercambiabili.

Questo consente una frequenza di scansione lineare fino a 12 kHz, che risulta in circa 40 fps ad un formato di scansione di 512x512 pixel o 428 fps a 512x16 pixel. Ciò rappresenta un aumento significativo di oltre il 30% rispetto alla precedente applicazione di Leica con frequenza lineare di 8 kHz, tuttora disponibile. Queste velocità elevate di scansione sono utili per diversi quesiti biologici, quali Imaging veloce di secondi messaggeri come il Ca2+, misurazioni di cinetica, flusso di fluidi o motilità cellulare (Figura 2). Per controllare queste elevate frequenze di scansione senza compromessi nella qualità dell'immagine e con alta fedeltà geometrica, è necessario un complicato sistema di controllo in tempo reale.

Accanto all'Imaging ad alta velocità, il sistema di scansione a risonanza riduce il dosaggio di fotoni destinato al campione. Il meccanismo mediante il quale si ottiene ciò è noto come rilassamento anti-tripolare. I campioni vivi beneficiano quindi di un minore fotodecadimento e di una maggiore vitalità cellulare. Per maggiori dettagli sul rilassamento anti-tripolare, vedere anche il relativo articolo nel Leica Science Lab scritto da Rolf Borlinghaus.