Contatti
SP8 DIVE Confocal Microscopes Leica Leica Microsystems
Intestino tenue del topo. Tracciante cell lineage. Ciano: CFP, verde: GFP, giallo: YFP, rosso: RFP. Ricerca sul cancro del colon. Concessione campione di Jacco van Rheenen. Università di Utrecht, Olanda.

Usufruite della libertà di selezione spettrale con 4Tune

Il numero di marker transgenici è in continua e rapida evoluzione. SP8 DIVE sta al passo con tale evoluzione e riesce ad adattarsi ai marker transgenici esistenti e a quelli nuovi con un clic.

La libertà di selezione spettrale è il risultato della nuova, rivoluzionaria tecnologia 4Tune per non descanned detector. Il sistema di acquisizione 4Tune vi permette di adattarvi all'emissione completa e di separare gli spettri fortemente sovrapposti senza l’uso di algoritmi di tipo matematico.

SP8 DIVE vi permette di catturare il doppio del segnale di fluorescenza , il che si traduce in una migliore profondità di penetrazione e una maggiore velocità di imaging o una minore fototossicità per l'imaging in vivo. 

"I dicroici convenzionali non sono mai l'ideale per la distinzione di tutti i fluorocromi, ma con i rilevatori spettrali ciò è ora possibile e anche molto più semplice, poiché possiamo realmente ottimizzare la lunghezza d'onda per ogni fluoroforo che si desideri rilevare."

Prof. Jacco van Rheenen. Università di Utrecht, Olanda

DIVE with ease – the 4Tune detector

Il sistema di acquisizione 4Tune non-descanned può essere dotato di un numero da 2 a 4 di unità di detection ed è liberamente configurabile con detector ibridi (HyD), fotomoltiplicatori (PMT) o un mix di entrambi. La luce di emissione è separata da una combinazione di dicroici inversi e filtri passa banda variabili dall’utente in piena libertà. Il range spettrale tutte le lunghezze d’nda comprese tra 380 e 800 nm.

L'interfaccia utente 4Tune vi permette di ottimizzare l'impostazione di emissione per marker transgenici multipli tramite il semplice drag and drop. In virtù del suo design chiaro e intuitivo, utilizzarla è semplice e richiede un addestramento minimo.

Con SP8 DIVE, siete liberi di utilizzare ogni marker transgenico già esistente o appena sviluppato e siete pronti per futuri marker

Sistema di acquisizione non descanned 4Tune: 1) Specchio dicroico variabile. 2) Filtro passa banda variabile. 3) HyD o PMT.
L'interfaccia utente intuitiva 4Tune consente di impostare facilmente le finestre di acquisizione per tutto lo spettro da 380 fino a 800 nm.
Gamba di topo. Fibra muscolare marcata con Rab5-GFP. Obuettivo IRAPO 40x 1.1. Sinistra: Migliore risoluzione. Destra: Penetrazione profonda.
L'utilizzo dell'impostazione di penetrazione profonda raddoppia approssimativamente la luminosità. Di conseguenza, aumenta la profondità di penetrazione. Concessione campione del Prof. Rudolf, Università delle Scienze Applicate, Mannheim.

Esplorate nuove dimensioni in profondità

È possibile regolare SP8 DIVE e raggiungere profondità di penetrazione ottimali e analizzare i minimi dettagli. È possibile regolare in modo ottimale e indipendente ogni lunghezza d’onda di eccitazione per ogni obiettivo utilizzando il nuovo Vario Beam Expander (VBE).

VBE consente una colocalizzazione ottimizzata e un bilanciamento tra risoluzione e profondità adatto agli obiettivi della vostra ricerca.

Profondità e risoluzione ottimizzate con Vario Beam Expander

Leica Vario Beam Expander VBE di Leica la regolazione del raggio del fascio laser e della sua divergenza. Tale tecnologia vi permette di ottenere la massima profondità, la migliore risoluzione e una completa correzione cromatica.

Diametro del fascio regolabile per il migliore bilanciamento tra risoluzione e profondità (immagine in alto)

È possibile scegliere il migliore bilanciamento tra risoluzione e energia assorbita regolando il diametro del fasco. Quando si allarga il fascio, si ottiene un'illuminazione omogenea del piano focale posteriore. In combinazione con un'elevata apertura numerica, viene raggiunta la risoluzione massima.

Quando si restringe il fascio, più energia viene assorbita nel volume focale, il che produce una migliore penetrazione del campione e una maggiore profondità di imaging. Con VBE, è possibile regolare il fascio in modo indipendente, fino a quattro lunghezze d'onda IR (infrarosse) diverse, al fine di ottenere il miglior bilanciamentotra risoluzione e profondit

Divergenza del fascio regolabile per una completa correzione cromatica (immagine in basso)

L'introduzione di una divergenza del fascio corregge l'aberrazione cromatica assiale delle diverse lunghezze d'onda IR. Ciò consente l'eccitazione in corrispondenza dello stesso punto focale nel campione con fino a quattro lunghezze d'onda IR.

Regolazione risoluzione e profondità con Vario Beam Expander (VBE).
Tibia del topo. Muscolo striato. Analisi morfologica dello sviluppo della giunzione neuromuscolare.
Verde: GFP – Rab 5 (GTPasi, endosomi). Rosso: mCherry – Bif 1. Grigio: AF647- Alfa bungarotossina (NMJ). Concessione campione del Prof. Rudolf, Università delle Scienze Applicate, Mannheim.

Risultati riproducibili per imaging multicolore in vivo dei tessuti spessi

Eccitazione multicolore: Eccitate marker transgenici multipli in un singolo esperimento con separazione cromatica perfetta. Oppure effettuate fotomanipolazione multi-photon ad alta precisione e imaging simultaneo con risoluzione confocale. SP8 DIVE può essere dotato di un numero fino a tre di linee di eccitazione regolabili simultaneamente, controllate ed attenuate da modulazione acusto-ottica. Poiché è possibile regolare i laser fino a 1300 nm, è possibile utilizzare anche coloranti red e far red per esperimenti multifotone. Un minore scattering consente maggiore profondità di penetrazione e genera immagini luminose dettagliate degli strati profondi.

TuneIR – Indagini decisive con condizioni sempre perfette dello strumento: Per ottenere risultati esatti in qualsiasi momento, è fondamentale che le condizioni dello strumento e del fascio IR siano stabili e affidabili. A tal fine, combiniamo una nuova unità di beam conditioning con il nostro Vario Beam Expander. Garantiamo per voi condizioni di imaging perfette e riproducibili fino a tre linee di eccitazione regolabili e perfetta colocalizzazione dei marker multipli.

Versatilità e protezione dell'investimento

SP8 DIVE è disponibile sulla piattaforma versatile SP8. È possibile combinare tutta la gamma SP8 con DIVE, dalla microscopia confocale a super risoluzione fino alla nanoscopia STED.

Espandete la piattaforma ogniqualvolta lo desideriate – seguendo la direzione della vostra ricerca – ora e nel futuro.

Top: Versatile platform SP8 (left), Nanoscopy (middle), Super-Resolution (right)
Bottom: CARS (left), Light Sheet (middle), SMD (right)

Alberto Diaspro

Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), Genua

Ottimo per diffondere ulteriormente la microscopia multifotone, oggi. È un grande passo in avanti in virtù della maggiore gamma di applicazioni e la soluzione di molti dei problemi relativi alla varietà dei campioni. Vale la pena notare l'integrazione efficiente di SHG e immagini a due fotoni.

Credo che la possibilità di associare altre soluzioni e prodotti Leica, inclusi i moduli STED, renderà questa architettura adattabile alle diverse esigenze sperimentali dalla risoluzione spaziale a quella temporale fino all’uso di una gamma sempre crescente di nuovi fluorocromi e nuovi metodi. 

Apprezzo molto la possibilità di controllare e modificare la dimensione e la divergenza del fascio laser nel piano focale posteriore all’obiettivo; ciò consente di allargare o restringere il fascio laser di eccitazione a due fotoni. È fantastico.”

Sophie Allart

Ingegnere della ricerca
INSERM, Centro di fisiopatologia di Tolosa Purpan

“È fantastico per la modularità delle caratteristiche e perché l'utilizzo di dei classici filtri davanti ai detector non descanned influisce sulla scelta dei fluorocromi, e a volte siamo costretti ad adattare la preparazione del campione e a cambiare i fluorocromi. Ora sarà molto più semplice.

Sono convinta. Mi occupo di microscopia a due fotoni da 10 anni, quattro colori... è molto interessante”

Kees Jalink

Istituto olandese dei tumori

"“Lo ho appena visto in demo e sono entusiasta. Credo sia davvero meraviglioso: adesso avete portato tutto ciò che già avevamo per la luce visibile anche nell'infrarosso. Avete fatto un gran bel lavoro.”"

Ron Hoebe

LCAM, Centro Van Leeuwenhoek per la microscopia avanzata, Università di Amsterdam

“Mi piace il nuovo rilevatore spettrale a due fotoni. L'aspetto che mi piace di più è il modo in cui è integrato nel software.

Gestisco un centro di imaging e so che più l'utilizzo è semplice per l'utente, meglio è. Abbiamo oltre 200 utenti e formarli su macchine estremamente complicate porta via tempo.

Quindi più semplice e intuitivo è, meglio è.”

Ammasi Periasami

Centro W.M. Keck per l'imaging cellulare, VA

“Mi piace l'impostazione di lunghezze d'onda da 740 a 920. È una possibilità molto buona. Voglio dire, Si possono utilizzare tante lunghezze d'onda quante se ne desiderano a seconda del fluoroforo. Inoltre si possono utilizzare più fluorocromi contemporaneamente ottimizzando le bande passanti accanto a ciascun detector.

Il rapporto segnale/rumore è molto buono, piena flessibilità per quanto riguarda l’emissione.

Senza dubbio, è molto importante vedere che l'utente familiarizza con il sistema. È ciò che cerco. Lavoro con Leica, quindi cerco la facilità di utilizzo per l'utente per le acquisizioni multi-photon come per le acquisizioni confocali nel visibile."

[Durante questa dimostrazione in occasione del Focus on Microscopy 2017,sono stati acquisiti in sequenza i dati di 4 marcatori utilizzando SP8 DIVE dotato di un laser IR e due detector spettrali HyD-NDD. Eccitazione 740 nm (Alexa Fluor 350 per muco di cellule caliciformi mucipare, Sytox Green per nuclei cellulari) eccitazione 920 nm (SHG per Collagene, Alexa Fluor 568 falloidina per F-actina).] 

Marc van Zandvoort

Università di Maastricht, Biologia genetica e cellulare

“Estensione molto interessante degli attuali sistemi a due fotoni. Questa estensione rende il sistema molto più flessibile nell'utilizzo dei detector per due fotoni.

Fino ad ora, questo utilizzo è stato molto limitato, a causa dell’utilizzo dei filtri standard. In tal senso, è un'estensione molto buona.”

Urs Ziegler

Responsabile degli impianti, Centro per la microscopia e l'analisi delle immagini, Università di Zurigo

"È molto flessibile e molto facile da usare. Non è necessario cambiare i filtri manualmente e si possono utilizzare tutti i fluorocromi possibili ed immaginabili.
Apprezzo soprattutto che, in sintesi, per l'utilizzo del software, non è necessario formare qualcuno che conosca già la microscopia confocale a scansione. Non è necessario cambiare i filtri manualmente – DIVE è semplice da utilizzare perché contempla le diverse combinazioni di filtri e fluorocromi, e questo, per quanto possibile, non è facilissimo da realizzare. Già questo rappresenta un grande vantaggio.

E poi ovviamente, nel tessuto vivente si possono utilizzare vari fluorocromi, SHG e THG imaging. Con SP8 DIVE, questo può essere realizzato davvero molto facilmente. Credo sia un grande passo in avanti."

L'SP8 DIVE con lo stativo DM8 CS, montato su un tavolo a cascata, offre un ampio spazio di lavoro per la ricerca comportamentale.

Flessibilità spaziale per la ricerca comportamentale

Per gli esperimenti comportamentali, dotate il vostro SP8 DIVE dello stativo DM8 CS che offre uno spazio di lavoro più ampio. Il DM8 CS è montato su un tavolo a cascata e può essere personalizzato in base alle vostre esigenze sperimentali. Lo stativo offre una flessibilità per configurazioni grandi e complesse.

L'SP8 DIVE con lo stativo DM8 CS consente di eseguire esperimenti come il monitoraggio delle attività cerebrali su animali svegli.