Neuroni corticali coltivati (dati raw originali)
Acquisita con THUNDER Imager 3D Cell Culture

Elevato rendimento per migliori statistiche e maggiore efficienza del flusso di lavoro

Automatizzate in modo efficiente le vostre analisi di colture cellulari 3D. THUNDER consente l'Imaging di grandi volumi di campioni, come organoidi del polmone, ad alta velocità. Inoltre, l'automazione riduce al minimo l'interazione dell'utente anche durante esperimenti complessi.

I risultati:

  • dati precisi e affidabili in tempi inferiori
  • Rendimento ancora più elevato
  • migliori statistiche e migliori risultati

Immagine interattiva: Neuroni corticali coltivati. Verde, beta-III-tubulin; blu, nuclei. Stack di immagini di 59 piani per un volume di 21 µm acquisito con THUNDER Imager 3D Cell Culture. Immagine in formato Raw confrontata con un'immagine acquisita con THUNDER Large Volume Computational Clearing. Campioni per gentile concessione di: FAN GmbH, Magdeburgo (Germania).

Quantificazione affidabile di un'intera retina di topo con THUNDER

Gli approcci quantitativi all'analisi delle immagini dell'intera retina hanno come scopo quello di fornire descrizioni sia morfologiche che funzionali. Le osservazioni delle anomalie della retina, come altri esempi di osservazioni legati ad applicazioni cliniche traslazionali richiedono un workflow affidabile e riproducibile per lo screening di specifici target transgenici. Pertanto, applicazioni di imaging che hanno come necessità l’acquisizione su larga scala di campioni per analisi morfologiche richiedono un sistema in grado di dare risultati accurati che possano essere riprodotti costantemente. Con THUNDER Imager 3D Assay è possibile visualizzare chiaramente la morfologia e valutare in modo affidabile i dettagli intracellulari, come la distribuzione dei singoli nuclei nelle cellule della retina.

Con THUNDER Imager 3D Assay avete questi vantaggi

  • Rimozione immediata del blur che permette di visualizzare più dettagli intracellulari
  • Maggiore profondità di osservazione anche in osservazioni widefield
  • Quantificazione affidabile
  • Pronto per l'uso per la tua particolare analisi del flusso di lavoro

Configurazione di THUNDER Imager 3D

Controllo della retina di topo svizzero adulto femmina che mostra cellule microgliali Iba1 + (Alexa Fluor® 488 fluorocromo verde) e cellule gangliari della retina Brn3a + (Alexa Fluor® 594 fluorocromo rosso). Immagine su gentile concessione del gruppo di oftalmologia sperimentale, Università di Murcia (Spagna).

Visualizzazione degli organoidi cerebrali THUNDER Imager 3D Cell Culture

Gli organoidi cerebrali vengono utilizzati come nuovi modelli sperimentali per lo nello dello sviluppo e dei disturbi cerebrali umani. L'imaging di queste strutture citologiche tridimensionali viene spesso eseguita attraverso l'impiego di marker transgenici multipli. Una comune esigenza di questi flussi di lavoro richiede la quantificazione dinamica delle molecole nel tempo, il mantenimento delle condizioni fisiologiche e la visualizzazione del campione in profondità anche con bassi livelli di segnale. Pertanto, THUNDER Imager 3D Cell Culture si adatta allo studio dei processo di sviluppo degli organoidi mantenendo condizioni fisiologiche, e riducendo al minimo il fotobleaching grazie all'impiego anche di sorgenti LED a basso impatto. Inoltre, l'espressione nel tempo di livelli proteici anche bassi è possibile senza la necessità di cambiare il supporto.

Con THUNDER Imager 3D Cell Culture avete questi vantaggi

  • La possibilità di osservare i campioni in piastre con fondo in plastica rende il workflow più efficiente
  • Capacità di rilevare segnali bassi di molecole con telecamera QE elevata
  • Basso bleaching e basso impatto per il campione grazie all'illuminazione widefield con sorgenti LED ad esposizione veloce ed ottimizzata

Configurazione THUNDER Imager 3D Cell Culture

Nucleo (DAPI), Pevimentin (AF488), Dcx (AF568), Pax6 (AF647). Organoide del cervello umano non rimosso (4 colori); Immagine per gentile concessione di Attria Kavyanifar, M.Sc. (supervisionato dal Prof. Dr. Lie, Prof. Dr. Wiener) University Clinic Erlangen, Germania).

Bassa fototossicità nell'imaging timelapse di cellule vive a lungo termine

Esperimenti di Imaging di colture cellulari di cellule da espianti sono spesso difficili da condurre, poiché richiedono un set-up di incubazione stabile e condizioni di imaging a bassa fototossicità. Questo esempio di imaging di coltura cellulare di cellule da espianto condotto dalla dott.ssa Laura Shankman dell'Università della Virginia mostra come le cellule dell'aorta addominale siano riuscite a rimanere stabilmente visualizzabili per un periodo di 48 ore. THUNDER Imager Live Cell è un sistema completo per esperimenti di live cell imaging con minima invasività e alta precisione. Workflow di Imaging complessi che riguardano esperimenti con colture cellulari particolarmente sensibili possono essere condotti con successo grazie all'impiego di fotocamere per acquisizioni veloci e con alta efficienza quantica (High-Quantum-Efficiency), a tavolini ad alta precisione, a sorgenti luminose a LED modulabili, all'applicazione del Computational Clearing per la riduzione dell'out-of-focus blur e all'utilizzo del software LAX semplice da usare.

Vantaggi di THUNDER Imager Live Cell

  • La sperimentazione accurata di imaging delle cellule vive consente il monitoraggio dei movimenti cellulari veloci
  • Bassi livelli di fototossicità contribuiscono a mantiene vive le cellule in coltura, anche per esperimenti di lunga durata.
  • Rendi più rapido il workflow di live cell imaging fino a rendere quantificazione e analisi automatizzate

Configurazione di THUNDER Imager Live Cell

Espianti di una settimana in coltura dell'aorta addominale sottoposti a imaging per 48 ore su vetrini copricamera # 1.5 rivestiti di gelatina. Il topo è stato codificato geneticamente con un tdtomato specifico per cellule muscolari lisce. Dopo un evento di trascrizione, le cellule muscolari lisce rimuovono il tdtomato e iniziano a esprimere l'eGFP.

Condizioni fisiologiche ottimali - minima esposizione alla luce

Per colture cellulari 3D, l'osservazione della vera fisiologia è di fondamentale importanza per ottenere risultati significativi. Tipicamente si desidera analizzare le cellule mentre sono in uno stato prossimo a quello naturale attraverso l'ottimizzazione delle condizioni sperimentali, ovvero la minore intensità luminosa possibile e i minori tempi di esposizione possibili.

THUNDER Imager Live Cell & 3D Cell Culture soddisfa queste esigenze grazie ad una sorgente a LED all'avanguardia dotata di un'ampiezza di banda limitata e ottimizzata per il processo di eccitazione. Anche con scarsa illuminazione e brevi tempi di esposizione, la sensibilità della camera sCMOS di ultima generazione fornisce immagini con informazioni significative grazie ad un'efficienza quantica fino al 82%.

Per ridurre ulteriormente l'esposizione del campione alla luce, l'illuminazione si limita al tempo di registrazione effettivo. L'otturatore della camera è sincronizzato con la sorgente di luce a LED Lumencor ad alta velocità (20 µs di tempo di commutazione) per ridurre al minimo il photobleaching.

THUNDER Imager Live Cell & 3D Cell Culture si basa su microscopio DMi8 completamente motorizzato, tavolino Quantum Stage, camera DFC9000 GTC ad alta sensibilità, e sorgente di luce LED a fluorescenza multi-linea e elevata intensità. È ottimizzato per funzioni multiposizione e multicanale veloci e precise di imaging su colture cellulari 3D.

Organoidi polmonari (topo) derivati da cellule staminali polmonari. Campioni per gentile concessione del MPI for Heart and Lung Research, Bad Nauheim (Germania).

Imaging alla velocità della vita: i processi cellulari

La vita è breve, specialmente per una cellula. La maggior parte degli esperimenti moderni di imaging su cellule vive richiedono l'adozione di sistemi ad alta velocità.

THUNDER Imager Live Cell & 3D Cell Culture fornisce tutta la potenza dei sistemi a fluorescenza basati su camere sCMOS ad alta sensibilità.

In aggiunta alla tecnologia ad alta sensibilità, THUNDER Imager Live Cell & 3D Cell Culture consente di acquisire dati fino a velocità di 90 frame al secondo, per osservare i fenomeni cellulari più rapidi. L'acquisizione di immagini stabili avviene infatti rapidamente anche all'interno di cluster cellulari 3D di un certo spessore. Grazie alle ruote portafiltri esterne a commutazione rapida (< 27 ms) è possibile controllare processi molto veloci anche durante esperimenti su lunghezza d'onda multipla.

Mantenete l'ambiente giusto mentre osservate le vostre colture di cellule in vivo

THUNDER Imager Live Cell & 3D Cell Culture ha tutto ciò che occorre per mantenere le cellule in uno stato vicino a quello naturale. L'incubatore garantisce le condizioni fisiologiche ottimali per le colture di cellule vive, come stabilità, umidità, temperatura e livelli di anidride carbonica (valore pH).

Grazie al microdispenser per immersione ad acqua, è possibile utilizzare un obiettivo ad immersione in acqua per flussi di lavoro con pozzetti multipli anche nel caso di esperimenti a lungo termine. Gli obiettivi ad immersione in acqua consentono una maggiore raccolta di luce, per l'acquisizione di immagini cellulari caratterizzate da maggiore contrasto e migliore risoluzione.

Cellule in coltura VERO colorate con STAR488 Vimentin (verde), STAR580 Tom20 (giallo), e DAPI (blu). Campione per gentile concessione di Abberior GmbH, Göttingen (Germania).

Esperimenti in time-lapse e posizione multipla: tracciamento dei cambiamenti cellulari

THUNDER Imager Live Cell & 3D Cell Culture offre velocità e affidabilità per gli esperimenti 3D con pozzetti multipli su colture cellulari. Ad esempio, nel tracciamento di crescita e sviluppo di sferoidi e organoidi, le sue caratteristiche di velocità e affidabilità consentono di ottenere risultati eccellenti.

THUNDER Imager consente la massima precisione negli esperimenti in time-lapse multiposizione e il tracciamento dei cambiamenti cellulari, grazie a:

  • Correzione della drift del fuoco grazie al sistema Adaptive Focus Control (AFC)
  • Software di autofocus per compensare i cambiamenti nella posizione del campione
  • Posizionamento in Z altamente riproducibile con livelli di precisione fino a 20 nm (sistema messa a fuoco closed-loop)

Con il nuovo tavolino Quantum Stage si possono ottenere più dati in minor tempo. Il suo spostamento è rapido e preciso (es. 10 posizioni per secondo) in tutte le posizioni e con un eccellente livello di ripetibilità (< ±0,25 µm), grazie all'assenza di oscillazioni.

Acquisizione di dati affidabili

THUNDER Imager Live Cell & 3D Cell Culture consente la massima affidabilità nell'acquisizione di immagini con messa a fuoco precisa e costantemente mantenuta  sulle vostre cellule.

L'Imaging di cellule vive presenta spesso aspetti insidiosi, a causa di drift, cambiamenti morfologici o crescita cellulare. Il drift è causato dalle vibrazioni, scorrimento meccanico o oscillazioni della temperatura. Sia il drift che i cambiamenti cellulari possono ridurre l'affidabilità dei dati di immagine acquisiti, poiché la messa a fuoco può risultare problematica. Grazie alla funzione Adaptive Focus Control (AFC), alla messa a fuoco a circuito chiuso e al software di autofocus, THUNDER Imager Live Cell & 3D Cell Culture  è in grado di mantenere il fuoco con la massima affidabilità anche in esperimenti con pozzetti multipli. 

Adattabile alle tue esigenze future

THUNDER Imager Live Cell & 3D Cell Culture è progettato per fornire prestazioni ottimali e per crescere insieme alle tue esigenze. Puoi approfittare della grande varietà di aggiornamenti e accessori, che comprendono il supporto software per camere aggiuntive, la funzionalità InfinityPort e la possibilità di integrare hardware di terze parti grazie al sistema di controllo delle sinapsi.

Ulteriori utili opzioni comprendono ad esempio laser impulsati e lo strumento Infinity Scanner per esperimenti di fotomanipolazione, ablazione e microchirurgia. Tali opzioni consentono di personalizzare il funzionamento tuo THUNDER Imager in base alle tue esigenze.

Sviluppo del pancreas di Zebrafish - dati raw originali
Post Computational Clearing - THUNDER Imager 3D Assay

Sviluppo del pancreas di Zebrafish

Il THUNDER Imager 3D Assay ha permesso di identificare chiaramente le cellule Alfa (GFP-verde) e Beta (mCardinal-rosso) all'interno del pancreas di un pesce zebra in via di sviluppo.

Immaginato nei canali blu (Hoechst), verde (GFP) e rosso (mCardinal), questo stack di 150 immagini z è stato completato con tutti i canali in un minuto.

Le condizioni fisiologiche possono essere mantenute all'interno di un campione riducendo al minimo il fotobleaching, fornendo immagini ad alte prestazioni e un'elevata velocità di trasmissione dei dati, con conseguente miglioramento dell'efficienza del flusso di lavoro.

Acquisisci ed interagisci con la coltura cellulare durante il tuo esperimento

Integra l'imaging non invasivo di THUNDER con la fotomanipolazione, FRAP, FRET o con le tecniche ablative dell'Infinity Scanner.  Interagisci con le cellule che studi o con il loro ambiente extracellulare con il flessibile sistema di scansione laser vettoriale di Infinity Scanner.

I due video mostrano le cellule MDCK che esprimono mx1-GFP prima e dopo l'applicazione del THUNDER Instant Computational Clearing. Usando THUNDER, l'espressione della proteina mx1 è diventata molto più identificabile e potrebbe essere sottoposta ad ablazione con Infinity Scanner.

Combina THUNDER Imager 3D Cell Culture con Infinity Scanner per visualizzare e manipolare i tuoi esperimenti di coltura cellulare.

Ulteriori informazioni su Infinity Scanner

Immagini su gentile concessione del Dr. Ralf Jacob, University of Marburg, Germany

Immagini su gentile concessione del Dr. Catherine Boyle, University of Virginia, USA

Nitidezza e velocità per l'imaging di campioni sensibili

Combina la rimozione della sfocatura fuori fuoco di THUNDER con i vantaggi di TIRF. Per i processi dinamici sulla superficie cellulare, la microscopia a fluorescenza interna totale fornisce un'eccezionale separazione del segnale dallo sfondo.

I due video mostrano cellule ins-1 che esprimono pro-insulina umana con GFP-GRINCH. Quando la KCL viene aggiunta alla coltura cellulare, le cellule produttrici di insulina si depolarizzano e si possono osservare residui di insulina che si fondono con la membrana plasmatica.

Con THUNDER Imager Live Cell in combinazione con TIRF, acquisisci immagini dei tuoi campioni sensibili con eccezionale nitidezza, velocità e controllo dei parametri di acquisizione.

Maggiori informazioni su Infinity TIRF

Volete saperne di più?

Parlate con i nostri esperti. Saremo lieti di rispondere a tutte le vostre domande e preoccupazioni.

Contatti

Preferite una consulenza personale?


Qui trovate un elenco più dettagliato di tutti i contatti.